Sondrio - Cob 91 2-2

Main sponsor
7/12/2021

Un Sondrio in crescita, ma allo stesso tempo sprecone e protagonista ancora di distrazioni fatali esce dalla Castellina con un solo punto nella sfida con la Cob 91 di Cormano, ritrovandosi in penultima posizione in classifica.

La prima delle due partite casalinghe consecutive di fine anno iniziava con un brivido provocato da Cesarotti, attaccante ospite classe 1990, che si presentava solo davanti a Lassi leggermente defilato e batteva a rete trovando il numero uno biancazzurro pronto a respingere la conclusione.

Il campanello d’allarme scuoteva Baltrigo e compagni, che al 9’ confezionavano un’ottima manovra, con Victor a penetrare in area e servire al fratello Raul la palla per il vantaggio.

Passavano solo tre minuti e Manici, attaccante esterno dei milanesi, sfruttava una palla arrivata dalla destra e la colpiva in semi rovesciata completamente libero, battendo l’incolpevole Lassi.

Palla al centro e un minuto dopo Chilafi trovava la rete beffando con un pallonetto l’incerto portiere ospite classe 2000 Ciabattini, autore di un rinvio corto. 2-1 e inerzia del match tutta a favore dei padroni di casa.

Al 17’ Victor si vedeva deviare in corner una conclusione pericolosa, mentre sugli sviluppi del tiro dalla bandierina era il fratello Raul a colpire all’altezza dell’area piccola trovando Ciabattini pronto a neutralizzare il tiro. L’estremo difensore ospite si superava sempre su Raul al 26’ e al 30’ riusciva a neutralizzare anche un calcio di rigore assegnato dall’arbitro Ossoli di Monza per fallo sull’attaccante spagnolo. L’ultima emozione della prima frazione di gioco era rappresentata da un tiro di destro di Victor da centro area terminato fuori.

L’inizio della ripresa era da incubo per i padroni di casa. Un disimpegno errato dei difensori portava dapprima Cesarotti a colpire il palo e sugli sviluppi dell’azione era ancora Manici a infilare la rete del pareggio. Il Sondrio pativa il colpo, una serie infinita di interruzioni dovuta a cambi e interventi fallosi in serie specialmente dei giocatori ospiti rendevano il gioco spezzettato e le azioni pericolose si contavano col contagocce.

Al 64’ era Anas a provare da fuori, ma al 71’ era il centrale difensivo della Cob, Tlizi Keria, a colpire da solo all’altezza dell’area piccola su corner mandando alto, completamente dimenticato dalla retroguardia biancazzurra.

La squadra di casa manteneva l’iniziativa, spingeva in particolar modo con Bormolini e Piller, ma la poca lucidità in zona d’attacco e il muro eretto dalla formazione ospite rendeva vano ogni tentativo. Dopo soli due minuti di recupero la sfida si chiudeva in parità, lasciando i sondriesi ancora una volta con l’amaro in bocca e in una posizione di classifica molto delicata. Mercoledì nuova sfida interna questa volta con la Concorezzese sempre alle 14,30 alla Castellina.